venerdì 2 dicembre 2011

Pagnottona di farine miste: croccante fuori, morbida dentro

Rieccomi qui, con la ricetta del pane di cui vi parlavo (o parlavo da sola??? Mah) ieri a proposito del mio "raptus cucinereccio" dell'altra sera.
Evidentemente lavorare tanto mi porta a cucinare di più... mah... questo non lo capisco... non bisognerebbe essere rilassati, avere tempo per sperimentare e blablablabla???

Comunque.... questa è la belva.... o almeno una parte di essa :-D



L'ho impastata tutta a mano, con la famosa impastatrice planetaria Pannifricius Delicius, seguendo un procedimento trovato in internet e che magari voi già conoscete ma che io non avevo mai adottato. Mi scuso se chi mi legge è la/il blogger da cui ho preso lo spunto ma veramente non ricordo la fonte. Mea culpa!
Devo dire che questa esperienza bloggereccia (scusate i miei continui neologismi ma fa parte del mio carattere) mi porta a cercare e provare cose nuove.




Ingredienti:

100 gr. di farina integrale
150 gr. di farina 0
100 gr di farina di farro
150 gr. di farina di manitoba
1/2 panetto di lievito fresco
30 gr. di lievito/pasta madre in polvere
1 filo d'olio
10 gr. di amido di riso
2 cucchiaini di sale
1 cucchiaino di zucchero


Procedimento:


Ho setacciato insieme tutte le farine ed il lievito sbriciolato. A parte ho mescolato la polvere di lievito/pasta madre con mezzo bicchiere d'acqua e lo zucchero e l'ho lasciata riposare per 5/10 minuti.
Ho poi unito i due composti versando a filo l'acqua, il tutto mescolando continuamente. Quando l'impasto ha raggiunto una bella compattezza, ho cominciato a lavorarlo con le mani ed ho aggiunto l'olio, impastando ancora per circa 2 minuti. Da ultimo ho aggiunto il sale ed ho manipolato ancora per qualche minuto.
A questo punto ho riposto l'impasto in una terrina e l'ho coperto con una pellicola trasparente, appoggiandolo sopra una sedia e posizionandolo vicino al termo (da eretici???).
Dopo circa un'ora e un quarto ha raddoppiato le sue dimensioni.
L'ho preso, impastato per 1 minuto circa e poi steso con un mattarello, l'ho arrotolato senza stringerlo e l'ho riposto nuovamente nella terrina ricoprendolo e riportandolo vicino al termo. Un'altra ora abbondante ed è raddoppiato nuovamente. L' ho posizionato sopra della carta da forno e ho fatto delle incisioni sulla parte sopra con un coltello per dargli sfogo durante la cottura. 
Ho preriscaldato il forno in modalità ventilata a 200° mettendoci dentro una placca da forno rovesciata.
Quando quest'ultima è stata ben calda l'ho annaffiata d'acqua e poi ho messo sopra il pane, annaffiando anche quello con l'acqua (sempre la fonte che non ricordo diceva che questo procedimento lo rende più croccante e così è stato).
Dieci minuti di cottura a 200° e poi circa mezz'ora a 180°.
Il risultato lo vedete: un bel pane croccante fuori e mordido dentro, ottimo da gustare anche la mattina con la mia Pannifricella.





E... Pannifricius Delicius!

1 commento:

  1. Meraviglioso ^_^ Adoro il pane con le farine miste e dall'aspetto e sapore un po' rustico. Un bacio, buona serata

    RispondiElimina

Se questo post ha stuzzicato il tuo palato, scrivimi due righe... e magari lascia anche un clik a google+ :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...